Informazioni commerciali +39 0575 05077
  Clienti +39 0575 0504
  Partner e CDRL +39 0575 0500
Lun/Ven 08.30-18.00
 
Fatturazione Elettronica > 15 - FAQ > Faq Fatturazione Elettronica

15.1 Faq Fatturazione Elettronica

Attivazione del servizio e funzionamento

Il servizio può essere acquistato da www.pec.it:
  • Solo ed esclusivamente da Persona Giuridica, cittadini italiani in possesso di Partita IVA (Liberi Professionisti e piccole e medie imprese);
  • E’ possibile acquistare un unico servizio con la stessa tipologia di persona giuridica (stessa Login Aruba). Nel caso in cui si tenti di effettuare l'ordine con una login @aruba.it su cui è già attivo Fatturazione Elettronica, si visualizza una schermata di errore e il sistema non consente di completare l’ordine. 
, il servizio consente di uploadare fatture (in formato .xml) elaborate con altro software. Completato il caricamento, è sufficiente inviare la fattura. Il sistema firma digitalmente il documento e lo pone in conservazione in modo automatico, garantendo il rispetto della normativa di riferimento.   
, è necessario acquistare un servizio per ciascuna Partita IVA. Qualora si desideri, è possibile aderire al programma Partner ArubaPEC che permette di attivare o rivendere il servizio a terzi. Approfondimenti sul programma sono disponibili alla pagina dedicata.

Ciclo passivo fatturazione (ricezione)

Il Codice Destinatario assegnato ad Aruba dall'Agenzia delle Entrate, e utilizzabile da tutti gli utenti con servizio "Fatturazione Elettronica" attivo è: KRRH6B9. E' possibile ricevere solo le fatture con codice destinatario fornito da Aruba. I documenti eventualmente ricevuti sulla casella pec non sono presenti.

Il codice è visibile su pannello alla sezione "Configurazione > Dati ricezione", seguendo le indicazione riportate alla guida dedicata e può essere:
  • Inviato ai propri fornitori per la ricezione delle fatture. In questo caso chi emette la fattura dovrà inserire il codice KRRH6B9 nel campo "CodiceDestinatario" di ogni .xml;  
  • Registrato presso il "Portale Fatture e Corrispettivi" dell’agenzia dell’Entrate https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/portale/ (modalità consigliata), seguendo le indicazioni alla guida dedicata. Completata la registrazione, la fattura sarà sempre recapitata all’indirizzo telematico indicato sul Portale dell’Agenzia dell’Entrate, indipendente da quanto indicato nel campo "CodiceDestinatario" delle singole fatture XML. Verificare con molta attenzione i dati inseriti sul portale dell’Agenzia delle Entrate in quanto, in caso di errore, le fatture non saranno recapitate.
No, la funzione "Fatture Ricevute" (ciclo passivo di Fatturazione Elettronica) è disponibile solo per utenti Privati, non per le Pubbliche Amministrazione.

Gestione e utilizzo del servizio

In caso di creazione fatture per la cessione di carburanti, al momento dell'inserimento del prodotto in fattura, secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 8/E/2018, i campi "CodiceTipo" e "CodiceValore", all’interno del blocco "CodiceArticolo", devono essere compilati inserendo rispettivamente la dicitura "CARB" e uno dei valori indicativi dei tipi di carburante. Nei casi in cui sia prevista l’indicazione della targa, la stessa potrà essere inserita nel campo "MezzoTrasporto" del file della fattura elettronica
Sì. È possibile verificare le compatibilità del Pannello Fatturazione Elettronica con sistemi operativi e browser alla guida dedicata.
È possibile integrare il servizio Fatturazione Elettronica con gestionali o sistemi esterni mediante web services. Per procedere è necessario acquistare il servizio "Fatturazione Elettronica Premium". Per maggiori informazioni visionare la pagina dedicata.   
Il censimento di nuovi utenti privati in anagrafica avviene tramite uno tra i due identificativi di seguito indicati:
  • Codice Destinatario a 7 caratteri fornito da SDI;
  • Casella PEC del privato destinatario della Fattura.
No, le fatture generate sono firmate dalla Certification Autority Aruba PEC. In caso di creazione di Comunicazioni Finanziarie (Dati Fatture o Liquidazioni Periodiche IVA) è invece indispensabile essere in possesso di una firma digitale in quanto i documenti devono essere caricati su pannello in formato .p7m e firmati con le credenziali del rappresentante legale o da un professionista accreditato (es. Commercialista).
La voce "Riferimento amministrazione" può essere inserita in due campi differenti:
  1. Come "Dato aggiuntivo" del singolo prodotto durante la creazione di una fattura (in questo caso nella stampa SDI e nel file xml verrà visualizzato tra i Dati relativi alle linee di dettaglio della fornitura);
  2. Oppure è possibile inserirlo su: "CONFIGURAZIONE => CEDENTE/PRESTATORE" così da visualizzarlo nella stampa SDI e xml in un apposito campo. Nel caso in cui il cliente proceda con questa modalità si consiglia di modificarlo prima di creare un nuovo documento.
E' possibile modificare esclusivamente fatture non ancora inviate o scartate da SDI (Sistema di Interscambio). Le procedure complete sono disponibili alle guide dedicate:
, è possibile inserire qualsiasi tipo di allegato, sia con "Creazione fattura smart" che con "Creazione fattura guidata". La dimensione massima consentita è di 4 MB.
, è possibile dichiarare di aver assolto il bollo ai sensi del decreto MEF 17 giugno 2014 (art. 6), attivando la specifica voce "Dati Bollo" in caso di "Creazione fattura smart", o "Creazione fattura guidata". 
Ai sensi dell'art. 25 del Decreto Legge n. 66/2014, al fine di garantire l'effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, le fatture elettroniche emesse verso le PA o verso privati appaltatori delle PA stesse devono riportare:
  • Il codice identificativo di gara (CIG), tranne i casi di esclusione dall'obbligo di tracciabilità di cui alla Legge n. 136 del 13 agosto 2010;
  • Il codice unico di progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche.
Per le procedure di inserimento dei codici visionare le guide dedicate:
Nel caso in cui non si sia indicato in fase di ordine del servizio una casella PEC, ma solo un indirizzo di Posta ordinaria, al momento della ricezione di comunicazioni di Posta Elettronica Certificata da parte di Aruba.it o di SDI, per visualizzarle, cliccare sull'allegato "postacert.eml" visualizzato, come da immagine esemplificativa sottostante:

La modifica può essere effettuata dal cliente in autonomia dalla sezione "Configurazioni". Per ulteriori dettagli visionare la sezione dedicata.
 
Per chiedere la modifica del legale rappresentante aprire "Richiesta di assistenza" dal portale assistenza.aruba.it, aperta con codici di Autenticazione (login @aruba.it e relativa password) su cui è intestato il servizio allegando il DOC ID valido del nuovo legale rappresentante.

Conservazione a norma ed esibizione

Fatturazione Elettronica include il servizio di conservazione a norma di fatture inviate, ricevute, comunicazioni finanziarie e delle notifiche provenienti da SdI per la durata del contratto. La funzionalità di conservazione è automatica e trasparente per il cliente che potrà visualizzare, scaricare ed esibire la documentazione conservata attraverso il Pannello di gestione del servizio. Nel caso in cui il servizio di Fatturazione Elettronica non sia rinnovato nei successivi 60 giorni è accessibile con limitazioni: è possibile effettuare solo operazioni di consultazione e recupero dei documenti presenti, scaricando le fatture già inviate. Superati i 60 giorni dalla scadenza il servizio non sarà più accessibile, i dati contenuti saranno cancellati e quindi non potranno essere più recuperati o consultati.
No, il servizio non prevede il caricamento in conservazione di file precedentemente ricevuti via PEC. 
L'operazione di versamento di documenti in conservazione consiste nella trasmissione dei documenti da conservare e dei metadati che li specializzano. In particolare, comprende la ricezione e presa in carico di un "Pacchetto di Versamento (PdV)", composto dalle seguenti parti:
  • Documento/i stesso che si vuole/vogliono conservare;
  • "Indice del Pacchetto di Versamento (IPdV)", cioè un file .xml, che descrive il versamento stesso e i documenti che ne fanno parte attraverso l'uso di metadati.

La produzione del "Rapporto di Versamento (RdV)" rappresenta formalmente la presa in carico del "Pacchetto di Versamento (PdV)" da parte del sistema di conservazione e la trasformazione di quest’ultimo in "Pacchetto di Archiviazione", cioè un documento informatico che attesta il caricamento dei documenti in un determinato momento e la loro conservazione a norma di legge
Bookmark and Share

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.