Regime forfettario > Creazione fattura > Forfettari: come si compila una fattura elettronica

6.1 Forfettari: come si compila una fattura elettronica

Il pannello di Fatturazione Elettronica consente di creare una fattura tramite:
  • Modalità smart: per visionare l'intero corpo della fattura su un'unica pagina, e monitorare immediatamente tutte le aree del documento.
  • Modalità guidata: permette di avere una pagina dedicata per ogni sezione della propria fattura. 
Per compilare una fattura elettronica come forfettari occorre innanzitutto verificare di aver configurato correttamente il regime fiscale (RF02 Contribuenti minimi o RF19 regime forfettario) in fase di prima configurazione del servizio (scorrere la guida fino a visualizzare la parte Regime forfettario) o in successive modifiche da Impostazioni > Profilo di Fatturazione > Profilo fiscale (scorrere la guida fino a visualizzare la parte Regime forfettario).

A questo punto è possibile iniziare a creare la prima fattura, compilando uno ad uno i moduli necessari:
  • dati relativi a chi emette la fattura (compilati in automatico in base a quanto impostato in fase di configurazione iniziale del profilo di fatturazione);
  • dati del cliente, con disponibilità anche di una anagrafica interna che permette di recuperare già inseriti in precedenza;
  • dati del documento, con tipo documento e sezionale, di cui è possibile impostare il valore predefinito da utilizzare in fase di compilazione della fattura, e numero progressivo, gestito in automatico dall'interfaccia;
  • dati dei prodotti e dei servizi da fatturare: unità vendute, prezzo, importo complessivo, IVA. Il codice IVA corretto da usare in caso di regime forfettario è in genere quello con Natura IVA N2.2 (prodotti o servizi non soggetti ad IVA). In fase di inserimento di nuovi prodotti su menu Anagrafiche o durante la creazione di una fattura, con il Regime fiscale impostato su regime forfettario (RF-19 o RF-02), il campo codice IVA è già precompilato con 0% N2.2 - Non soggette - altri casi. Per approfondimenti visionare la guida dedicata
  • cassa previdenziale, che può essere applicata correttamente in automatico a tutte le fatture se configurata correttamente in fase di definizione del proprio profilo fiscale;
  • bollo, nel caso in cui il valore della fattura superi i 77,47 €. Anche questa impostazione, tuttavia, viene applicata in automatico se attivata da Impostazioni > Profilo di fatturazione > Bollo automatico;
  • dati di pagamento.
Le procedure complete possono essere visionate alla guide dedicate: creazione fattura Smart e creazione fattura Guidata
 
Tra gli elementi indispensabili per una partita IVA che opera in regime forfettario, in particolare, si segnalano:
  1. occorre indicare il fatto che si opera in regime forfettario con la dicitura: “Operazione senza applicazione dell'IVA, effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, l. n. 190 del 2014 così come modificato dalla l. n. 208 del 2015 e dalla l. n. 145 del 2018“. La dicitura viene applicata in automatico nel momento in cui si seleziona come proprio regime fiscale il RF19 – Regime forfettario e si attiva l'opzione presente nelle impostazioni;
  2. occorre indicare il fatto che i prodotti, i servizi e l’importo della cassa previdenziale inclusi nella fattura non siano soggetti ad IVA, utilizzando il codice IVA con natura N2.2 – Non soggette altri casi. In fase di inserimento di nuovi prodotti su menu Anagrafiche o durante la creazione di una fattura, con il Regime fiscale impostato su regime forfettario (RF-19 o RF-02), il campo codice IVA è già precompilato con 0% N2.2 - Non soggette - altri casi. Per approfondimenti visionare la guida dedicata;
  3. occorre applicare un bollo del valore di 2 euro qualora la fattura abbia un corrispettivo totale superiore ai 77,47 euro. L’applicazione è automatica se attivata da Impostazioni > Profilo di fatturazione > Bollo automatico.
 
Quanto è stata utile questa guida?
 

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.