Informazioni commerciali +39 0575 05077
  Clienti +39 0575 0504
  Partner e CDRL +39 0575 0500
Lun/Ven 08.30-18.00
 
PEC > 11 - FAQ ed errori comuni > SPAM: come prevenirlo e come intervenire

11.3 SPAM: come prevenirlo e come intervenire

Lo spamming, comunemente conosciuto come Spam, consiste nell’invio o nella la ricezione di messaggi di posta elettronica indesiderati e potenzialmente dannosi, per i quali il destinatario non ha fornito autorizzazione.
 
Come intervenire in caso di SPAM ricevuto sulla casella PEC
 
Le caselle PEC Aruba, sia nel caso di caselle singole che di caselle su dominio, includono il servizio Antivirus e Antispam.
Non è possibile applicare il controllo Antispam ai messaggi di posta elettronica certificata perché comporterebbe il rischio di considerare come Spam messaggi desiderati (falsi positivi).
È, viceversa, possibile utilizzare il servizio per filtrare nella Posta in arrivo i messaggi di posta tradizionale, nel caso la casella PEC Aruba sia stata abilitata alla ricezione di questo tipo di email,  considerati potenzialmente rischiosi.
Per maggiori informazioni sulla gestione del filtro Antispam è possibile consultare la guida dedicata.
 
 I sistemi Aruba sono dotati di appositi controlli per rilevare ed impedire la diffusione di virus informatici.
È consigliabile controllare sempre la provenienza, la sintassi e la semantica di un messaggio ricevuto (chiedendo eventualmente conferma, in caso di dubbio, al mittente dello stesso), e di evitare di aprire collegamenti contenuti in un messaggio di provenienza dubbia ovvero messaggi non attesi e/o sospetti ed in particolare quelli dotati di allegati con estensioni file potenzialmente pericolose (quali .vbs, .exe o documenti contenenti “macro”).

Ulteriori suggerimenti e informazioni aggiornate su campagne di Spam rilevate da Agid possono anche essere reperiti dal sito ufficiale.
 
 
Come intervenire in caso di SPAM inviato dalla casella PEC
 
Le caselle PEC, al pari delle caselle di posta ordinarie, possono inviare SPAM ad altri utenti.  In caso venisse rilevato dai sistemi Aruba un traffico anomalo di spam generato dalla casella di Posta Elettronica Certificata, anche a tutela dell'utente, viene sospesa temporaneamente la possibilità di invio dei messaggi dalla casella stessa, mantenendo attiva la sola ricezione.
Si invita, non solo nel caso l'utente o Aruba rilevasse un'attività anomala della casella, a procedere ad una scansione periodica anti-malware del pc e/o dell’apparato utilizzato ed a far riferimento alle seguenti raccomandazioni:
 
  • utilizzare una password di almeno otto caratteri;
  • utilizzare per la password sia lettere maiuscole che minuscole;
  • utilizzare per la password sia lettere che numeri;
  • utilizzare per la password anche caratteri non alfanumerici;
  • utilizzare per la password una sequenza insensata e non parole comuni;
  • non utilizzare per la password informazioni personali;
  • non trascrivere la password o salvarla nel computer o in dispositivi di memorizzazione;
  • non utilizzare la stessa password per più dispositivi/applicativi;
  • migliorare le regole Antispam relative alla posta in arrivo impostando, ad esempio, il grado di sensibilità del filtro, le lingue dalle quali riceve abitualmente le comunicazioni, ecc.
 
 Se l'invio dei messaggi dalla casella PEC fosse stato temporaneamente inibito a causa dello SPAM in uscita, dopo aver svolto una scansione del malware in tutti gli apparati utilizzati per la consultazione della casella e dopo aver modificato la password secondo i criteri indicati in precedenza, si invita a segnalare che sono state svolte le operazioni richieste attraverso uno dei canali di assistenza Aruba in modo da poter procedere alla riattivazione della piena funzionalità della casella.
 
La tua opinione è importante per noi!

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.