Riepilogo degli sconti validi sui nostri servizi
#IoRestoACasa
assdfasdfsdaf
 
  Clienti +39 0575 0504
  Partner e CDRL +39 0575 0500
Lun/Ven 08.30-18.00
PEC > 2 - Sicurezza del servizio PEC > Avvisi relativi ad allegati potenzialmente dannosi

2.3 Avvisi relativi ad allegati potenzialmente dannosi

Nel rispetto dei più avanzati standard di sicurezza e di recenti disposizioni delle autorità di vigilanza, i sistemi di Aruba verificano se i file allegati a una PEC contengono file potenzialmente dannosi e, in caso positivo, lo segnalano con un avviso inserito all’interno del messaggio e della busta di trasporto.
La busta di trasporto consiste in una busta virtuale firmata dal gestore PEC del mittente, all'interno della quale è inserito l'intero messaggio originale inviato dal mittente e i dati relativi alla certificazione della comunicazione. Sulla busta viene applicata una firma elettronica (paragonabile al timbro dell'ufficio postale) che garantisce la provenienza e l'inalterabilità del messaggio.

L'obiettivo è quello di notificare a chi riceve un messaggio PEC le possibili minacce che si nascondono nei seguenti allegati:
Alcuni allegati, ad esempio documenti compressi in un archivio (file .zip, .rar o .7z), che richiedono una password per l'apertura, sono criptati e il loro contenuto non può essere sottoposto a scansione antivirus. La protezione tramite password sui file impedisce infatti agli scanner di email e ai programmi antivirus di esaminarlo, e quindi su questi file è impossibile verificare se contengono malware (codice malevolo). 

Per questo motivo, quando si riceve un messaggio contenente file cifrati o archivi compressi con password, si visualizza il seguente avviso nel messaggio:

e il seguente avviso nella busta di trasporto:

 
Cosa fare se si visualizza questo avviso: se l'email è sospetta, non aprire e non scaricare l'allegato.
Una macro è un piccolo programma creato per automatizzare le attività eseguite su un file.
Sono spesso usate nei software di scrittura e di calcolo, come ad esempio Word ed Excel, allo scopo di eseguire con pochi comandi operazioni ripetitive, e risparmiare quindi tempo; sono quindi molto utili, ma potenzialmente anche pericolose. Infatti, sono spesso usate dai criminali informatici come veicoli di malware, per diffondere codice malevolo nel computer o nella rete dell'organizzazione. 

Per questo motivo, quando si riceve un messaggio contenente file cifrati o archivi compressi con password, si visualizza il seguente avviso nel messaggio:

e il seguente avviso nella busta di trasporto:

 
Cosa fare se si visualizza questo avviso: se l'email è sospetta, non aprire e non scaricare l'allegato.
Di seguito, cliccando sulla singola immagine a seconda dell'applicativo utilizzato per gestire la casella PEC, è possibile consultare la guida che mostra gli avvisi notificati all'utente che riceve un messaggio PEC che contiene allegati potenzialmente pericolosi:
 
La migliore tecnica di difesa in generale è utilizzare "il buon senso". Di seguito alcuni importanti consigli per ridurre i rischi:
  • non cliccare link se non si è sicuri che la URL a cui fanno riferimento sia lecita;
  • non scaricare gli allegati di mittenti sconosciuti;
  • prima di aprire un allegato non atteso, chiedere conferma al mittente;
  • effettuare una scansione antivirus della propria postazione e degli allegati che si intende aprire con software aggiornato e proveniente da fonti attendibili;
  • non abilitare le macro in caso di ricezione di documenti Microsoft Office (ad esempio .doc, .docx, .xls, .xlsx);
  • non utilizzare le stesse credenziali per servizi diversi;
  • non aprire file eseguibili, come ad esempio file con le seguenti estensioni: .exe, .vsb, .js, .bat;
  • valutare con attenzione il contenuto dei messaggi: gli istituti di credito, come anche un provider, non chiedono di inserire dati sensibili all’interno di form online;
  • consultare sempre la pagina degli Avvisi per confrontare l'email ricevuta con quelle già censite da Aruba e per essere sempre aggiornati su eventuali comunicazioni fraudolente in circolazione e, se l'email non risulta censita, segnalare ad Aruba l'email sospetta tramite la sezione dedicata;
  • consultare il magazine Aruba per informazioni e azioni di contrasto.
 
 
La tua opinione è importante per noi!
 

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.