Telefono 0575/0504
 
Glossario
L'Agenzia per l'Italia Digitale (AgID) è un Ente pubblico non economico, con competenza nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nell'ambito della pubblica amministrazione. L'Ente, che ha ereditato le funzioni di DigitPA che, a sua volta, ha ereditato le funzioni del CNIPA, opera secondo le direttive per l'attuazione delle politiche e sotto la vigilanza del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione, con autonomia tecnica e funzionale, amministrativa, contabile, finanziaria e patrimoniale.
Si tratta di una copia di sicurezza dei propri dati digitali al fine di prevenirne la perdita definitiva a causa di improvvisi eventi malevoli (siano essi accidentali o intenzionali).
Il BIC (Bank Identifier Code) è un codice (codice SWIFT: Worldwide Interbank Financial Telecommunication) utilizzato nei pagamenti internazionali per identificare la Banca del beneficiario secondo lo standard ISO 9362; è disponibile praticamente per quasi tutte le banche del mondo e può essere formato da 8 o da 11 caratteri alfanumerici. Esso è utilizzato insieme al codice IBAN per trasferimenti di denaro mediante bonifico internazionale.  
La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento che consente l’identificazione certa dell'Utente (Titolare del Certificato) in rete ai servizi on-line ed ai siti web della Pubblica Amministrazione, come ad esempio i servizi consultabili sul sito dell'Agenzia Delle Entrate (fisconline/entratel), del Registro Imprese, INPS, ex- Inpdap, Equitalia ecc. La CNS è oggi sempre più richiesta sia dai cittadini che dalle aziende e per alcune categorie professionali, come avvocati, geometri, architetti ecc.. è diventato uno strumento necessario per autenticarsi ai propri punti di accesso telematici (vedi processo civile telematico) o scambiare informazioni con le PA. Il Certificato CNS viene rilasciato su supporto Smart/SIM Card unitamente al certificato di Firma Digitale.
CCIAA (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura). Per maggiori informazioni cliccare qui
Il CDRL (Centro di Registrazione Locale) è una Società, Ente o Pubblica Amministrazione che viene autorizzata dalla Certification Authority Aruba PEC S.p.A. ad emettere in maniera autonoma i certificati di Firma Digitale. Per scoprire le modalità di adesione e le funzionalità incluse nel programma consultare le guide dedicate.
Il CIG (Codice identificativo gara) è un codice adottato in Italia per identificare un contratto pubblico stipulato in seguito ad una gara d'appalto o affidato con una delle altre modalità consentite dal codice dei contratti pubblici.
È costituito da una sequenza di 10 caratteri alfanumerici ed è utilizzato anche ai fini della tracciabilità dei pagamenti relativi ai contratti pubblici.
Un client di posta è un programma che consente di gestire la configurazione e l’organizzazione di una casella di posta elettronica da parte dell’utente, nonché la ricezione e la trasmissione di email da e verso un server di posta. Spesso è già installato come applicativo di base sul proprio computer, ma si può scegliere di utilizzare il client di posta più adatto ai propri scopi, grazie alla vasta scelta che la rete propone. Per l’utilizzo del client di posta, è necessaria la configurazione della casella utilizzando i parametri forniti dal provider del servizio di posta elettronica.
Per i clienti CDRL, Aruba PEC riserva un pannello dedicato alla gestione di tutti i servizi a loro riservati. Il Pannello CMS (Card Management System) è raggiungibile da https://cms.gruppoaruba.it/CMSARUBA/cmsaruba/. Tutti i dettagli sono disponibili alla guida dedicata
Il CNIPA (Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione) creato con l’articolo 176 del DL 196/03, ha incorporato le strutture e le funzioni dell'AIPA e del Centro Tecnico della RUPA ed è stato quindi sostituito da DigitPA e quindi dall'AgID.
Le disposizioni in materia di Firma Digitale sono indicate nei seguenti decreti legislativi:
 
Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 pubblicato in G.U. del 16 maggio 2005, n. 112 - S.O. n. 93 -Codice dell’amministrazione digitale- aggiornato dal D.Lgs. n. 159 del 4 aprile 2006 pubblicato in G.U. del 29 aprile 2006, n. 99 – S.O. n. 105 -Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 recante codice dell’amministrazione digitale-. Inoltre, nel DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2004 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici. (GU n. 98 del 27-4-2004).
Il Codice di emergenza è un codice alfanumerico di 10 caratteri, inviato in fase di registrazione della propria Identità Digitale SPID di Livello di sicurezza 1 (i primi cinque caratteri per email a seguito dell’associazione del proprio indirizzo di posta elettronica, gli altri cinque per SMS a seguito dell’associazione del numero di cellulare) ed è indispensabile ai fini dell’esecuzione delle seguenti operazioni:
  1. Recupero Password;
  2. Sospensione/Blocco d’Emergenza dell’Identità Digitale.
In caso di smarrimento è possibile procedere al recupero seguendo le indicazioni alla guida dedicata.
Il codice EORI (Economic Operator Registration and Identification) è un codice, introdotto nel 2009 dall'Unione Europea, per identificare ai fini doganali un dato importatore in maniera univoca.
Stringa alfanumerica di lunghezza pari a 6 caratteri. E’ il Codice che identifica univocamente l’Ufficio all’interno dell’IPA. Tale codice è assegnato automaticamente dall’IPA al momento del salvataggio dell’Ufficio. E’ il Codice Univoco Ufficio che dove essere comunicato ai fornitori per l’invio della fattura.

Stringa alfanumerica di lunghezza pari a 6 caratteri. E’ il Codice che identifica univocamente l’Ufficio all’interno dell’IPA. Tale codice è assegnato automaticamente dall’IPA al momento del salvataggio dell’Ufficio.

Per ciascun Ufficio che l’Amministrazione definisce sull’IPA, il sistema assegna automaticamente un codice ufficio univoco all’interno dell’intera struttura dell’IPA valorizzando il campo "Codice Univoco Ufficio". Tale codice è una stringa alfanumerica di lunghezza pari a 6 caratteri.

L’Amministrazione, per ogni Unità organizzativa (Ufficio) destinataria di fattura elettronica, deve attivare il servizio di “Fatturazione elettronica”, indicando le informazioni specificate nel paragrafo 2.4.1 “Inserimento del servizio di Fatturazione elettronica”.

Il servizio di fatturazione elettronica può essere associato ad una Unità organizzativa di qualsiasi livello tra quelle definite nella struttura organizzativa dell’Amministrazione.
Il “Codice Univoco Ufficio” identificativo dell’Ufficio destinatario di fatturazione è l’informazione che gli Operatori economici fornitori della P.A. devono inserire nell’elemento “CodiceDestinatario” presente nel tracciato della Fattura elettronica (cfr. Allegato A al DM Fatturazione) al fine dell’identificazione univoca dell’Ufficio deputato al ricevimento della fattura elettronica. Tale informazione deve obbligatoriamente essere resa disponibile dalle Pubbliche amministrazioni agli operatori economici per consentire loro l’invio della fattura elettronica.

Il codice ufficio dell’Ufficio di fatturazione elettronica “Centrale” è una stringa alfanumerica di lunghezza pari a 6 caratteri i cui primi due caratteri sono “UF” (es. UFH45T).

L’Ufficio di fatturazione elettronica “Centrale” potrà essere utilizzato dagli operatori economici e dai loro intermediari per l’invio della fattura elettronica all’Amministrazione solo ed esclusivamente nel caso in cui i suddetti operatori economici non abbiano ricevuto la comunicazione del codice ufficio destinatario di fattura elettronica da parte dell’amministrazione e, pur avendo riscontrato la presenza dell’amministrazione sull’IPA non siano in grado di individuare in modo univoco, sulla base dei dati contrattuali in proprio possesso, l’Ufficio destinatario della fattura.
il Codice unico di Progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari e ove previsto ai sensi dell’articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3.
Stato Avanzamento Lavori, comunemente abbreviato in SAL, è il documento che attesta l’avvenuta esecuzione di una certa quantità di lavoro di qualsiasi tipo e di qualsiasi misura.
Sono i dati forniti dal cliente al momento della compilazione dello specifico Form "Dati Titolare di una casella PEC", sono utilizzati ai fini fiscali, per l'emissione delle fatture o di altri documenti contabili. È importante mantenerli costantemente aggiornati, al fine di ricevere sempre tutte le comunicazioni di Aruba ad essa correlate.
Documento di Trasporto, abbreviato in DDT. È un documento previsto dalla legge italiana in tema di trasporto delle merci, introdotto in parziale sostituzione della bolla di accompagnamento.
Significa "con i propri occhi", "dal vivo". Indica le modalità con le quali viene effettuato il riconoscimento del Richiedente, ai fini dell’emissione dei seguenti servizi:
I Dispositivi OTP di Aruba sono meccanismi di autenticazione di massima sicurezza e si distinguono tra OTP a evento e a tempo. Gli OTP a evento, OTP con Display c100, (cioè con seriale che inizia per uno), Token OTP USB e OTP mobile con attivazione antecedente a settembre 2016, producono One Time Password non ripetibili.
Gli OTP a tempo, OTP con Display c200, (cioè con seriale che inizia per due) e OTP mobile con attivazione successiva a settembre 2016, producono pin temporali che hanno validità, rispettivamente 30 o 60 secondi e 30 secondi.
Fedra è un software gratuito di InfoCamere rivolto agli utenti del Registro Imprese che consente di preparare in modo rapido e semplice le domande di iscrizione, modifica e cancellazione da presentare all’ufficio.

ComUnica è un software gratuito che guida l’utente nella compilazione della Comunicazione Unica per la nascita d’Impresa (e per le successive variazioni e cancellazioni).
I drivers sono programmi che servono per la comunicazione tra il proprio sistema operativo e tutti i dispositivi esterni e interni con i quali il computer deve dialogare. Funzionano quindi da interpreti tra il sistema operativo e l’hardware del computer, permettendo al primo di pilotare il secondo senza sapere come esso funzioni, ma facendosi guidare appunto da un driver.
L’elenco pubblico dei certificatori, previsto dall’articolo 29, comma 1 del DLGS 7 marzo 2005 nn. 82 e specificato nel DPCM13 gennaio 2004, é mantenuto e reso disponibile dall'AgID attraverso la rete Internet, ai sensi dell'articolo 29, comma 6 del citato decreto legislativo.
I Certificatori Accreditati (o Ente Certificatore) sono soggetti pubblici o privati che emettono certificati qualificati (per la firma digitale) e Certificati di Autenticazione (per le Carte Nazionali dei Servizi).
Sono quindi la terza parte di fiducia, che, operando nel rispetto della vigente normativa in materia di Firma Digitale e delle regole tecniche emanate dall’AgID (Agenzia per l'Italia digitale), garantisce l’identità dei soggetti che utilizzano la Firma Digitale.
 
Inoltre, al fine di fornire protezione nei confronti di possibili danni derivanti da un esercizio non adeguato delle attività di certificazione, il Certificatore possiede particolari requisiti tecnici, organizzativi e societari.
 
È una funzione utilizzata per controllare in modo scrupoloso i messaggi di posta certificata in arrivo considerati potenzialmente rischiosi, con il compito di reindirizzarli in una cartella specifica. 
Il codice IBAN (nternational Bank Account Number) è lo standard di comunicazione delle coordinate bancarie internazionali. Da giugno 2008 è obbligatorio indicare il codice IBAN completo di Codice Paese, Cin Internazione e Cin Nazionale. La lunghezza dell'IBAN per l'Italia è fissata in 27 caratteri come nell'esempio:
 
Cod Paese Cin Int. Cin Naz. ABI CAB Conto
IT 56 M 05390 71336 000000003030

Cod. Paese: 2 lettere che indicano la nazione (IT per l'Italia)
Cin Int.: 2 caratteri numerici di controllo internazionale
Cin Naz.: 1 carattere alfabetico di controllo nazionale
ABI: 5 cifre che identificano la banca
CAB: 5 cifre che identificano la succursale della banca
Conto: 12 caratteri alfanumerici che identificano il conto del beneficiario
Codice generato successivamente alla Pre-Registrazione per emissione Certificato Firma Digitale di uno specifico Utente
iPA (indice Pubbliche Amministrazioni)

Il codice iPA è un codice associato ad ogni Pubblica Amministrazione, serve al SdI (Sistema di Interscambio) per identificare in modo univoco l'ufficio a cui mandare le fatture elettroniche.
IVA (Imposta sul Valore Aggiunto)

 
Codice Descrizione Aliquota
1 ESC. ART. 15 0,00
2 FUORI CAMPO IVA 0,00
3 ESENTE ART. 10 0,00
4 ESENTE ART. 1, C. 100 0,00
6 ESC. L. 384 DEL 27/11/89 0,00
7 NON IMPONIBILE ART. 9 0,00
8 NON IMPONIBILE ART. 7 TER 0,00
10 IVA 10% 10,00
22 IVA 22% 22,00
IVA IVA GENERICA 0,00
PEXUE NON IMPONIBILE ART .7 0,00
Modulo software che implementa lo standard PKCS#11 specifico per uno o più token crittografici di un determinato produttore. Normalmente è conosciuto anche con il nome di Cryptoki
Il login è la procedura di identificazione che permette di essere riconosciuti da un’applicazione e quindi di avere accesso ad essa. Nelle applicazioni informatiche l’identificazione avviene generalmente attraverso un nome utente (o indirizzo email) associato ad una password.

I codici di Autenticazione Aruba, Login (codice numerico @aruba.it) e Password personali, permettono di accedere alla Area Clienti E-security e ai siti Pagamenti e Fatture, acquistare nuovi servizi, verificare lo stato degli ordini, gestire e rinnovare i servizi. Sono generati automaticamente al momento del primo acquisto su Aruba, compilando lo specifico Form "Iscrizione" e inviati via email, ma è possibile anche registrarsi e ottenerli gratuitamente, senza alcun acquisto, collegandosi al sito https://account.aruba.it. Tutti i dettagli alla guida dedicata
L’Operatore di Registrazione è il soggetto autorizzato dalla Certification Authority Aruba PEC S.p.A., tramite apposita convenzione, a svolgere le seguenti funzioni specifiche:
  • Identificazione dell’utente e registrazione dei dati nel modulo informatico di richiesta di certificazione;
  • Richiesta di emissione dei certificati digitali e memorizzazione degli stessi sul dispositivo CNS;
  • Personalizzazione e consegna al titolare della CNS;
  • Supporto al titolare per rinnovo/revoca dei certificati.
È un pannello operativo, completo e multifunzione, accessibile anche da tutti i dispositivi mobile e utilizzato per consultare o gestire qualunque casella di Posta Certificata Aruba (tipo: @pec.it, @pec.cloud@arubapec.it, @mypec.eu, @gigapec.it, @casellapec.com, @pecditta.com, nomecasella@pec.nomedominio.it e postmaster@pec.nomedominio.it).

Qui è possibile trovare una serie di funzioni che consentono la configurazione di filtri e regole specifiche da applicare alla casella. L’interfaccia del Login è raggiungibile all’indirizzo gestionemail.pec.it. Per tutti i dettagli consultare la guida dedicata
La partita IVA è una sequenza di cifre che identifica univocamente un soggetto che esercita un'attività rilevante ai fini dell'imposizione fiscale indiretta (IVA).

L'identificativo di partita IVA, in Italia, si compone di 11 cifre, raggruppate secondo lo schema seguente:
  • le prime sette cifre rappresentano il numero di matricola del soggetto assegnato dal relativo ufficio provinciale, che si ottiene incrementando di una unità il numero assegnato al soggetto che lo precede
  • le cifre dalla ottava alla decima indicano il codice dell'ufficio provinciale del fisco che ha rilasciato la matricola, generalmente corrispondente al codice ISTAT della provincia
  • l'undicesima cifra, infine, rappresenta un codice di controllo, introdotto al fine di verificare la correttezza delle prime dieci cifre
Si noti che il numero della matricola è univoco solo nell'ambito dell'ufficio provinciale che lo ha emesso: pertanto possono essere presenti due uguali numeri di matricola, ma afferenti ad uffici provinciali diversi (e quindi determinanti due diversi numeri di partita IVA).

Sfuggono a questa regola di attribuzione della matricola i soggetti afferenti direttamente alle istituzioni statali, militari, giudiziarie, le persone giuridiche, che hanno il numero di matricola iniziante per 8 o per 9.
Paypal è un sistema di pagamento online che consente di effettuare transazioni in rete (acquisti, pagamenti, bonifici) senza che i dati della propria carta o del proprio conto vengano comunicati a individui, aziende o siti.
Personal Identification Number. Numero di identificazione, associato ad esempio alla Sim di un cellulare, è l’equivalente di una password
È un codice PIN generato e valido una sola volta (One-Time Password), per una singola sessione di accesso o una transazione. Può essere generato attraverso vari strumenti (OTP con Display, Token OTP USB, OTP Mobile). 
Interfaccia di programmazione standard per l’interfacciamento con generici token crittografici, quali le smart card. Tale interfaccia fa parte di una famiglia di standard ben più ampia rilasciata dalla RSA Security e conosciuta come PKCS (Public Key Cryptography Standards)
Il Postmaster è l’utente amministratore del Dominio al quale si decide di legare una casella PEC. Solo l’utente Postmaster ha il privilegio di gestire tutte le azioni personalizzate di un account PEC su Dominio. Tramite l’utilizzo del Pannello GestioneMail PEC può infatti creare, cercare, modificare, cancellare una casella PEC su Dominio. Per maggiori dettagli sulle modalità di creazione e gestione delle caselle visionare le guide dedicate.
Il protocollo IMAP è uno strumento che  che permette la sincronizzazione di tutte le operazioni effettuate sull'account di posta (invio e ricezione) tra i vari client/dispositivi/web mail su cui è utilizzato. Permette di visualizzare l’oggetto dei messaggi, il contenuto e di salvarli sulla propria casella di posta. I messaggi non vengono rimossi (dopo il download dal server) ma se uno dei client o dispositivi effettua la cancellazione di un messaggio, lo stesso sarà cancellato da tutti gli altri.
Personal Unblocking Key. E’ un codice in genere usato per sbloccare dispositivi precedentemente bloccati
REA (Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative). Per ulteriori info cliccare qui
Informazione relativa ai DNS di un Dominio specifica per il servizio di posta elettronica. Qualora si vogliano gestire le email con estensione uguale al nome a dominio direttamente sul proprio server è necessario agire proprio sui cosiddetti Record MX.
Si tratta di un’email di notifica che viene inviata al possessore di una casella PEC quando questi invia un messaggio ad un altro utente certificato. In questo modo il possessore mittente viene a conoscenza che il messaggio è stato preso in carico.
Si tratta di un’email di notifica che viene inviata al possessore di una casella PEC quando il messaggio che questi ha inviato ad un altro utente certificato è giunto a destinazione. Non si tratta di una conferma di lettura del messaggio da parte del destinatario, ma soltanto di una notifica di avvenuta consegna.
La ritenuta d'acconto è un metodo a volte scelto dal legislatore per assicurare il versamento delle tasse, che accolla l'onere di anticipare una parte della tassazione al cliente del contribuente. È una trattenuta sul compenso assoggettato a tassazione, denominato "sostituto d'imposta", corrisposto da un soggetto nei confronti di un altro soggetto, detto "percipiente". Di norma viene applicata dal sostituto d'imposta alle fatture di acquisto di servizi e di prestazioni di lavoro autonomo e dipendente.

La ritenuta d’acconto è una trattenuta Irpef (o Ires) che viene effettuata sulle somme di denaro o bonifici che percepiamo dai nostri clienti o datori di lavoro, banche o istituti finanziari, detti anche sostituti di imposta.

La ritenuta d'acconto è un anticipo di irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) che il professionista deve versare sui suoi compensi all'erario. Generalmente la ritenuta d'acconto è del 20% e si calcola sull'onorario del professionista (lavoratore autonomo)
Registro Unico delle Fatture - E' il registro che ciascuna PA è tenuta ad avere e su cui deve registrare, entro 10 giorni dal ricevimento (articolo 42 del Decreto Legge n° 66/2014), tutte le fatture emesse nei suoi confronti.
 
SBF (Salvo Buon Fine)
È letteralmente l’istantanea dello schermo. Una riproduzione di quello che, in un determinato momento, si sta vedendo nello schermo del proprio dispositivo, una sorta di sua fotografia.

Per effettuare lo screenshot su Windows, utilizzare il tasto "Stamp" solitamente situato in alto a destra nella tastiera. Incollare il file su apposito programma per la modifica delle immagini (ad esempio Paint) e salvare il file. In alcuni modelli di PC portatili, premere contemporaneamente anche il tasto "Fn".

Per effettuare uno screenshot su Mac, premere contemporaneamente i tasti: Comando + Shift (maiuscolo) + 3. In tal modo l'immagine con la copia dello schermo del Mac è automaticamente salvata sul desktop.

Per effettuare uno screenshot con la maggior parte dei dispositivi mobili (Smartphone o tablet) è sufficiente premere contemporaneamente il pulsante di accensione e il tasto Home fisico. Le immagini vengono solitamente salvate nella cartella Immagini/Screenshot.
Il Sistema di Interscambio, gestito dall'Agenzia delle Entrate, è un sistema informatico in grado di:
  • ricevere le fatture sotto forma di file con le caratteristiche della FatturaPA,
  • effettuare controlli sui file ricevuti,
  • inoltrare le fatture alle Amministrazioni destinatarie.
Il Sistema di Interscambio non ha alcun ruolo amministrativo e non assolve compiti relativi all’archiviazione e conservazione delle fatture.

Il SID (Sistema di Interscambio Flussi Dati) è l’infrastruttura trasmissiva dedicata, nei servizi che ne prevedono lo specifico utilizzo, allo scambio automatizzato di flussi dati con amministrazioni, società, enti e ditte individuali. L'obbligo o la facoltà di utilizzare il SID è specificato nelle pagine informative dei singoli servizi. 
Per utilizzare tale infrastruttura è necessario essere registrati ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline) ed accreditare un proprio “nodo” di interscambio ovvero selezionare uno dei “nodi” preventivamente accreditati che offrono tale servizio di trasmissione.

La fruizione del SID richiede:
  • la registrazione ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline)
  • l'accreditamento di un proprio nodo di interscambio. In tale ambito è anche possibile selezionare, ove gli enti interessati abbiano perfezionato i relativi accordi, uno dei nodi che alcuni Gestori, tramite lo stesso percorso, avranno già accreditato con l’Agenzia. Per ulteriori informazioni si rimanda alla Guida all’Accreditamento al SID - pdf
Le amministrazioni, società, enti e ditte individuali che si avvalgono del SID:
  • potranno utilizzare due diverse modalità di trasmissione: il canale FTP, ovvero l’utilizzo del canale trasmissivo Posta Elettronica Certificata (PEC) per file di dimensione non superiore a 20 MB.
    In caso di utilizzo del canale trasmissivo FTP potranno:
    • utilizzare tale canale direttamente, con un proprio nodo di interscambio;
    • avvalersi di uno dei nodi di interscambio preventivamente accreditati da Gestori che offrono a terzi tale possibilità di transito. In questo caso il nodo opera esclusivamente da canale trasmissivo e non ha alcun ruolo attivo nella predisposizione dei file da inviare;
  • troveranno indicato nelle aree del sito istituzionale dell’Agenzia dedicate ai servizi che richiedono l’utilizzo del SID, quali livelli di controllo, tra quelli gestiti dal SID, dovranno adottare nella predisposizione e trasmissione dei flussi dati automatizzati.
Il Secure Sockets Layer è un protocollo progettato per consentire alle applicazioni di trasmettere informazioni in modo sicuro e protetto. Questo sistema garantisce la protezione non solo della trasmissione di dati, quali numeri delle carte di credito, moduli online e dati finanziari ecc, ma protegge dalla decodifica e dalla contraffazione di tutte le informazioni confidenziali, riservate o sensibili.
Un Ticket è una richiesta gratuita di Assistenza. Per inoltrala:
  • Accedere al portale: assistenza.aruba.it;
  • Autenticarsi, inserendo i propri Codici di Autenticazione nell'apposito campo "Login" in alto a destra;
  • Selezionare il pulsante “Tickets
  • Alla pagina visualizzata scegliere “Start Ticket”.
L’apposito menù a tendina, suddiviso per categorie, permette di inoltrare le proprie segnalazioni direttamente al reparto di competenza (Qualora la categoria selezionata risulti errata, Aruba provvede a inoltrare la richiesta al reparto di competenza e il Ticket è comunque preso in carico).

Il Ticket può esser presentato senza limitazioni di orario, ma verrà preso in esame dal nostro staff in orario d’ufficio (dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 18:00). Le tempistiche di evasione del Ticket sono solitamente di 24/48 ore, ma potrebbero prolungarsi in base alle code di lavorazione. Le risposte al ticket e la chiusura dello stesso verranno notificate al cliente con un’email all’indirizzo di riferimento indicato nei Dati Anagrafici associati alla Login con cui è stato aperto il Ticket.
Il Token è un dispositivo elettronico portatile compatto e pratico da utilizzare, facilmente trasportabile, che può essere installato su qualsiasi PC portatile o fisso. Il Token USB di Aruba, con inserita una Smart Card formato SIM con certificati di Firma e Autenticazione CNS, permette di firmare digitalmente ed autenticarsi online ai servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione (INPS, Agenzia delle entrate, Equitalia, Fascicolo Sanitario etc...). 
Time Stamping Authority. Con tale acronimo viene normalmente indicato il servizio di marcatura temporale reso disponibile dall’Ente Certificatore
La WebMail PEC è un pannello multifunzione accessibile direttamente dal proprio browser (Internet Explorer, Firefox, Safari e simili), senza la necessità di configurare il proprio PC o da tutti i dispositivi mobili, e utilizzato per consultare qualunque casella di posta Certificata Aruba (tipo: @pec.it, @pec.cloud@arubapec.it, @mypec.eu, @gigapec.it, @casellapec.com, @pecditta.com, nomecasella@pec.nomedominio.it e postmaster@pec.nomedominio.it).

L’interfaccia del Login è raggiungibile all’indirizzo webmail.pec.it e disponibile in due versioni: Beta e Completa
È una delle due versioni in cui è disponibile il pannello Webmail PEC Aruba.
Si presenta con un’interfaccia grafica del tutto innovativa e con funzioni riviste e semplificate per essere intuitive anche per l’utente meno esperto. 
È una delle due versioni in cui è disponibile il pannello Webmail PEC Aruba.
È caratterizzata da un pannello operativo completo e al contempo in grado di qualificare anche l’aspetto grafico, mostrandosi non solo innovativo ma particolarmente intuitivo. 
Si tratta dell’estensione con la quale viene salvato il file di firma digitale generato attraverso il formato di firma XAdES-BES (XML Advanced Electronic Signatures).